Lancio della piattaforma web per la promozione e la commercializzazione dell’offerta turistica del Network FOP

Lancio della piattaforma web per la promozione e la commercializzazione dell’offerta turistica del Network FOP

È ormai pronta la piattaforma online che consentirà ai turisti di tutto il modo di conoscere l’offerta attrattiva dei centri storici che aderiscono alla rete FOP e di progettare il proprio soggiorno seguendo un percorso esperienziale che li porterà a vivere l’autenticità di questi luoghi, a conoscerne la cultura materiale ed immateriale, instaurando un rapporto diretto e interattivo con la comunità locale. Una piattaforma che consentirà di promuovere un turismo relazionale capace di costruire esperienze reali dei luoghi, rifuggendo da qualsiasi forma di mediazione culturale che possa nascondere tentativi di mistificazione o disneyficazione dello spazio turistico.

La piattaforma si propone non come un mero strumento di intermediazione turistica – una connessione virtuale tra domanda e offerta – ma come uno strumento di orientamento della domanda, in grado di promuovere una fruizione sostenibile dei centri storici, ossia una fruizione consapevole, incentrata sul rispetto della cultura locale e dei suoi valori identitari (sostenibilità culturale) e attenta a ridurre il proprio impatto sull’ecosistema locale (sostenibilità ambientale). Altro elemento connotativo della piattaforma è l’interattività che si esplica nella possibilità offerta ai fruitori – turisti e operatori – di condividere esperienze, andando così ad arricchire di contenuti la piattaforma stessa e a validarne nel contempo le proposte turistiche postando le proprie valutazioni e i propri commenti. L’interattività è peraltro un presupposto ineludibile per un’iniziativa che vuole costruire una relazione di reciprocità tra domanda e offerta turistica, una relazione empatica tra il visitatore e la comunità di accoglienza, perché il rispetto reciproco nasce dalla conoscenza reciproca. «La piattaforma futureourpast.com » – sostiene uno dei suoi “sviluppatori”, Raffaele Vitulli di Quality Program, società partner del progetto FOP e recentemente confluita nel Consorzio Matera Hub – «consente di coinvolgere tour operator, creativi, operatori culturali e cittadini da ogni parte del Mediterraneo, nella creazione di esperienze empatiche al fine di aiutare i turisti a progettare una vacanza che sia davvero un’esperienza del luogo che si intende visitare e della sua cultura, scoprendone usi, costumi, tradizioni e riferimenti identitari».

Ampia e diversificata la funzionalità della piattaforma. Il portale propone una guida scaricabile gratuitamente per la creazione di esperienze indimenticabili. Gli operatori che decideranno di creare e vendere le loro esperienze di turismo empatico su FOP, potranno gestire contatti e vendite direttamente dal portale. Altro strumento innovativo è la App di FOP, un vero e proprio “diario di viaggio” su cui gli utenti potranno visualizzare le esperienze acquistate, individuare sulla mappa i luoghi da visitare suggeriti da FOP e dagli altri utenti e condividere foto e racconti del loro viaggio. La realtà aumentata permetterà loro di orientarsi al meglio nelle città e un lettore di qrcode faciliterà l’accesso a informazioni di dettaglio. A gestire la piattaforma e a coordinarne l’offerta turistica sarà l’Euro-Mediterranean Collaborative Network una struttura che aggrega i partner del progetto Future of Our Past e tutte le municipalità dell’area mediterranea che hanno aderito alla rete condividendo lo spirito e le finalità del progetto, a partire da quella che ne costituisce la finalità centrale, ossia: promuovere lo sviluppo sostenibile del turismo nei centri storici dell’area mediterranea.

 

2

http://www.futureourpast.eu/en/sponsor/